Covid: c’è luce in fondo al tunnel

20 Novembre 2020

La situazione Covid sta peggiorando in tutto il mondo.
Ieri ci sono stati 650.000 contagi: il massimo nella storia registrata.

2 mins

Ad oggi, Venerdì 20 novembre 2020, contiamo un totale di 56 milioni di casi, con quasi 1 milione e mezzo di morti.

In Italia siamo stabilizzati ormai a 40.000 casi e 700 morti al giorno, in crescita.

Si espandono le zone rosse. Si avvicina l’inverno. La situazione non sembra migliorare.

Eppure, c’è speranza.

Ad oggi esistono 4 vaccini funzionanti per il Covid-19: Pfizer/BioNtech, Moderna, Oxford University/AstraZeneca e Sputnik V, e almeno altri 10 in sviluppo.

Qualche parola sul BioNtech. Questo vaccino usa il mRNA (RNA messaggero), per la prima volta utilizzato in un vaccino. Bastano due dosi a distanza di 4 settimane l’una dall’altra.

Qualche giorno fa sono usciti i risultati del clinical trial:

  • 94% di efficacia sugli anziani;
  • testato su 43,000 volontari;
  • di questi, *nessuno ha sviluppato effetti collaterali seri*;
  • il 3,7% ha segnalato una leggera stanchezza dopo aver assunto la seconda dose
  • il 2% ha segnalato un mal di testa dopo la seconda dose;
  • gli adulti più anziani, quelli più a rischio, hanno riferito *meno effetti collaterali* e più lievi.

Il tutto in appena un anno. Di solito ci vogliono 5-10 anni per sviluppare un vaccino che abbia risultati del genere, o anche peggiori. Il vaccino Moderna, che usa la stessa tecnica, sembra essere ancora più avanzato.

Si tratta di un passo avanti immenso per l’innovazione farmaceutica e sanitaria mondiale.

Sono già state prodotte diverse milioni di dosi e a fine 2021 dovrebbero essere disponibili oltre tre miliardi, forse anche di più.

Questo significa che a breve potremo tornare a vivere una vita normale. La vita di una volta. Quella delle feste, le grigliate in famiglia, i concerti di musica, l’incontrarsi in piazza, il ballare con amici e incontrare sconosciuti senza avere paura.

E grazie al lavoro di tanti filantropi e volontari, per la prima volta nella storia, ci si è assicurati che chiunque voglia avere il vaccino, potrà averlo. Anche chi non ha soldi.

Perché la vita è un diritto di tutti.

Questo per me rappresenta il meglio dell’umanità. Più grande è l’avversità, più è grandi sono l’impegno e la solidarietà.

Certo, c’è chi si lamenta, c’è chi fa rumore. C’è chi non apprezza. C’è chi ha paura. Ma non importa.

Fare la cosa giusta non è facile.

Ma la facciamo lo stesso. Anche quando non è apprezzato.

Questa è la vera virtù.

Photo Credit

La peste di Atene (1652-1654 ca.) di Michiel Sweerts, che illustra la devastante epidemia che colpì Atene nel 430 a.C., come descritto dallo storico Tucidide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *