✍🏼 Lo scrittore che meglio di chiunque altro aveva immaginato il futuro

26 Maggio 2021
3 mins

Manipolazione psicologica. Dipendenza da social media e da smartphone. Stratificazione sociale sempre più netta. Queste sono alcune delle epidemie che stanno affliggendo la società moderna.

Nel 1931, uno scrittore inglese visionario aveva previsto tutto.

Nel suo romanzo, in un futuristico Stato Mondiale i cittadini sono ingegnerizzati ambientalmente in una gerarchia sociale, anticipando enormi progressi scientifici nella manipolazione psicologica e nella tecnologia riproduttiva.

In questa società, la gente non era controllata da uno stato oppressivo come 1984 di George Orwell, ma invece si auto-imprigionava, volontariamente, in cambio di qualcosa.

Perché?

Chi era questo scrittore e di che romanzo sto parlando?

Che cosa succedeva in quel mondo distopico e che rapporto c’è con la nostra società moderna?

Che lezione possiamo imparare?

Trascrizione video

Tra i vari libri di fantascienza che ci sono, secondo me il vero libro di fantascienza che si sta avverando oggi e di cui nessuno parla, perché quasi nessuno ha letto, è “Il Mondo Nuovo” di Aldous Huxley1.

Il mondo nuovo
Aldous Huxley, Il mondo nuovo

All’inizio del 900, Aldous aveva previsto esattamente quello che sta succedendo adesso; come per esempio Instagram e l’ingegneria genetica.

Nel mondo nuovo non era lo Stato che ti controllava forzatamente e la gente si ribellava; erano le persone che volutamente si schiavizzavano in cambio di avere una gratificazione istantanea di dopamina e di endorfina, che è esattamente quello che facciamo noi.

Noi abbiamo i cellulari che ci danno questa gratificazione istantanea e lo facciamo volontariamente.

Loro prendevano una pillola che si chiamava “soma” e lo Stato controllava tutti in questo modo. Non perché li obbligava, ma perché era la gente che lo voleva.

Quando leggi questo libro ti fa sentire come se fossi dentro a “Matrix” e quando esci capisci che tutto quello che hai letto sta succedendo anche a noi oggi.

Aveva previsto la selezione genetica e l’ingegneria genetica per la divisione in classi.

E tutto questo lo aveva previsto 100 anni fa. Allora non esisteva ancora il concetto di DNA, ma lui aveva capito a livello intuitivo come funzionava.

Questo libro è devastante, perché c’è una persona che vuole ribellarsi e la gente non riesce a capire.

Di solito le rivoluzioni peggiorano sempre le situazioni. Infatti, quando c’è una rivoluzione c’è un sistema complesso che gestisce il potere e ad un certo punto dici “togliamo tutto”.

Huxley aveva studiato la storia e aveva capito che le rivoluzioni non portano a qualcosa di buono.

E quindi, cosa bisogna fare?

La storia ci ha insegnato sicuramente che è meglio migliorare un sistema che non è perfetto costantemente attraverso un iterazione costante, piuttosto che dire “smantello tutto e ricostruisco”.

Quando smantelli tutto in realtà non hai smantellato tutto.

Se tu veramente togli tutto non hai più le persone che sono in grado di gestire il potere, perché il potere non è una cosa facile da gestire.

Ci deve essere un equilibro tra innovazione, competenza e costanza.

Bisogna cercare di influenzare le istituzioni in modo da riuscire a cambiarle, senza smantellarle. Perché se smantelli completamente il potere, quello che viene dopo è quasi certamente peggio.



Federico Pistono playing ukulele and smiling square

Mi chiamo Federico Pistono.

Ho fondato 10x Investor Club, dove investiamo in start-up a rapida crescita e ad alto impatto.

Gestisco Mavericks, il campo di addestramento per imprenditori esponenziali.

Aiuto leader virtuosi a espandere la propria coscienza e avere un impatto positivo nel mondo attraverso l’uso consapevole della tecnologia.

A volte scrivo su Facebook.
Penso ad alta voce su Twitter.
Creo video educational su YouTube.
Condivido momenti di vita su Instagram.


Note e riferimenti

1Aldous Leonard Huxley è stato uno scrittore e filosofo britannico. Famoso per i suoi romanzi, alcuni dei quali, come Il mondo nuovo e L’isola appartengono al genere della narrativa distopica. Ha anche pubblicato saggi, racconti brevi, poesie e racconti di viaggio. Oltre alla laurea in Lettere, conseguì a Oxford, nel 1915, quella in Scienze Biologiche. A partire dalla fine della sua vita Huxley è stato considerato, nei circoli accademici, un leader del pensiero moderno e un intellettuale del più alto rango.

Photo credit

Brave New World di David Mark Lee


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *